Sono descritti l'eziologia e la patogenesi, nonché i meccanismi di formazione del dolore cronico nella fibromialgia, i criteri diagnostici e le caratteristiche cliniche della malattia e i metodi della sua terapia, compresi i trattamenti non farmacologici e farmacologici..

Vengono descritti l'eziologia e la patogenesi, nonché i meccanismi di formazione del dolore cronico con fibromialgia, i criteri diagnostici e le caratteristiche cliniche della malattia e i metodi della sua terapia, compresi i trattamenti non farmacologici e farmacologici.

La fibromialgia è un disturbo complesso con dolore muscoloscheletrico diffuso, depressione, disturbi del sonno, rigidità mattutina e affaticamento. La malattia è anche caratterizzata dalla presenza di aree dolorose sul corpo - i cosiddetti "punti di dolore". Le donne sono più sensibili allo sviluppo di questa malattia rispetto agli uomini. Tra tutte le forme di sindromi da dolore cronico, la fibromialgia è il leader in termini di prevalenza della depressione, grado di disadattamento dei pazienti affetti da questa malattia, ovvero in termini di grado di declino della loro qualità di vita. La fibromialgia è una malattia che attira non solo reumatologi, neurologi, specialisti del dolore, ma anche medici di medicina generale. Secondo le statistiche, la fibromialgia colpisce il 2-4% della popolazione. Tuttavia, nonostante la sua prevalenza, la diagnosi di "fibromialgia" nel mondo, in particolare in Russia, è estremamente rara. Ciò è dovuto a manifestazioni insolite della malattia, all'insufficiente consapevolezza dei medici e alla mancanza di chiari criteri diagnostici..

Storia

Sebbene il termine "fibromialgia" sia stato introdotto relativamente di recente, questa condizione è stata a lungo descritta nella letteratura scientifica. Nel 1904, William Gowers coniò il termine fibrosite. Nella seconda metà del ventesimo secolo, alcuni medici credevano che la fibrosite fosse una tipica causa di dolore muscolare, altri credevano che la fibrosite fosse una conseguenza dello "stress" o del "reumatismo psicogeno" e la comunità reumatologica non considerava affatto questa patologia. Il moderno concetto di fibromialgia è stato creato da Smythe e Moldofsky a metà degli anni '70 del secolo scorso. Hanno introdotto un nuovo termine "fibromialgia". Gli autori hanno identificato la presenza di ipersensibilità locale, i cosiddetti "punti teneri", come un sintomo caratteristico della fibromialgia. Inoltre, hanno scoperto che i pazienti con fibromialgia hanno spesso disturbi del sonno. Il passo successivo nello studio della fibromialgia è stato lo sviluppo di criteri diagnostici per la fibromialgia dell'American College of Rheumatology (ACR), pubblicati nel 1990 [3]. Progressi significativi nello studio della fibromialgia sono arrivati ​​dopo che i ricercatori hanno concluso che la condizione non era causata da danno o infiammazione del tessuto periferico. Pertanto, tutti gli sforzi erano finalizzati allo studio dei meccanismi centrali della patogenesi..

Eziologia e patogenesi

Uno dei meccanismi più importanti per la formazione del dolore cronico nella fibromialgia è il fenomeno della sensibilizzazione centrale (CS). È caratterizzato dal fatto che dopo una prolungata stimolazione nocicettiva periferica, un certo livello di eccitazione rimane nei neuroni sensoriali centrali del corno dorsale, che mantiene il dolore anche in assenza di ulteriori patologie periferiche. Tuttavia, numerosi studi hanno dimostrato che la CS può svilupparsi nei disturbi del sistema nervoso centrale senza danni periferici. Un esempio è la fibromialgia. Quel dolore può essere il risultato di cambiamenti nel sistema nervoso centrale e un fenomeno neurobiologico "reale" che contribuisce alla formazione del dolore sembra improbabile per molti. Spesso, i pazienti con fibromialgia che non mostrano cambiamenti periferici sono considerati dai medici come simulanti o pazienti con isteria. Alcuni medici, in situazioni in cui non riescono a trovare la causa organica del dolore, preferiscono utilizzare etichette diagnostiche come i disturbi psicosomatici e somatoformi..

Tuttavia, oggi è stato dimostrato in modo convincente che la CS, oltre a una violazione del controllo inibitorio discendente (noradrenergico e serotonergico) del dolore, si verificano nella fibromialgia non a causa di cambiamenti periferici nei muscoli, fascia, legamenti o tessuto connettivo, ma a causa di disturbi neurodinamici nel sistema nervoso centrale in soggetti con predisposizione genetica esposizione a un gran numero di eventi stressanti (fisici e mentali) (Tabella 1).

La ricerca sulla fibromialgia negli ultimi due decenni ha dimostrato che la soglia del dolore è correlata al grado di sofferenza. Molti fattori psicologici, come ipervigilanza, sospettosità, catastrofizzazione, locus esterno del controllo del dolore, possono svolgere un ruolo importante nella gravità dei sintomi della fibromialgia. Studi speciali hanno dimostrato che nei pazienti con fibromialgia, l'attività serotoninergica e noradrenergica è ridotta. È stato anche riscontrato che nei pazienti con fibromialgia, si verifica una diminuzione del livello sierico della serotonina e del suo precursore L-triptofano e una diminuzione del principale metabolita della serotonina nel liquido cerebrospinale, il 5-idrossiindolo acetato. A sostegno di questi risultati è il fatto che i farmaci che aumentano contemporaneamente i livelli di serotonina e noradrenalina (antidepressivi triciclici, duloxetina, milnacipram e tramadolo) sono efficaci nel trattamento della fibromialgia. L'evidenza neurobiologica che la fibromialgia è una condizione con una maggiore sensibilità al dolore (CS) e processi di percezione alterati è confermata dai risultati dei metodi diagnostici hardware: tomografia computerizzata a emissione di singolo fotone e imaging a risonanza magnetica funzionale [1, 2].

Presentazione e diagnosi clinica

Nel 1990, l'American College of Rheumatology ha sviluppato linee guida per la diagnosi di fibromialgia (criteri ACR) (Tabella 2) [3]. Sebbene questi criteri non siano destinati a essere utilizzati in ambito clinico, ma solo nella ricerca, forniscono comunque un'accuratezza superiore all'85% nella diagnosi differenziale di pazienti con fibromialgia da malattie simili..

Il sintomo principale della fibromialgia è il dolore cronico diffuso, non causato da alcuna patologia del sistema muscolo-scheletrico, che disturba il paziente per almeno tre mesi. Il dolore è diffuso, si diffonde in tutto il corpo sopra e sotto la vita. In genere, i pazienti descrivono la loro condizione come "Sento che ho dolore dappertutto" o "Sento costantemente freddo". I pazienti di solito descrivono il dolore che si diffonde a tutti i muscoli, ma a volte segnalano anche dolore e gonfiore delle articolazioni. Inoltre, i pazienti spesso lamentano parestesie, intorpidimento, formicolio, bruciore, gattonare sulla pelle, specialmente nelle gambe e nelle braccia..

Nei pazienti con fibromialgia, l'esame fisico rivela solo tenerezza o tenerezza in punti specifici del corpo. Esplorare i punti dolorosi richiede esperienza. Il medico dovrebbe sapere esattamente dove palpare e con quale forza. Secondo i criteri ACR, nella fibromialgia sono state identificate 9 coppie di punti dolorosi (Fig.).

La pressione prodotta in questi punti dovrebbe essere di 4 kg / cm - la pressione alla quale i letti ungueali del ricercatore diventano bianchi. Quando si esegue la palpazione di 18 punti dolorosi, si consiglia di applicare una pressione uniforme sui punti accoppiati e con lo stesso sforzo di palpare altre parti del corpo per confrontare la sensibilità. Nei pazienti con fibromialgia, i punti teneri hanno una maggiore sensibilità rispetto ad altre parti del corpo. Le macchie dolorose riflettono aree di maggiore sensibilità agli stimoli del dolore e non sono il risultato di infiammazione locale o danni ai tessuti.

La presenza di una reazione positiva in oltre 11 dei 18 punti dolorosi è stata determinata dal criterio diagnostico basato sull'analisi di dati statistici provenienti da grandi popolazioni di pazienti. Tuttavia, non tutti i pazienti con fibromialgia avranno necessariamente una maggiore sensibilità in più di 11 punti. Ancora una volta, i criteri ACR per la fibromialgia sono destinati a scopi di ricerca e non per diagnosi specifiche del paziente. Tuttavia, l'esame dei punti dolorosi è considerato una parte importante dello studio del funzionamento del sistema muscolo-scheletrico in pazienti con sindrome del dolore generalizzata. La palpazione dei tessuti molli e delle articolazioni consente di identificare aree di maggiore sensibilità. Questo esame esclude la sinovite o la miosite ed è molto importante nella diagnosi della fibromialgia..

Come si può vedere dai criteri ACR, la fibromialgia non è solo dolore. Questa condizione comprende tutta una serie di sintomi fastidiosi per il paziente. Insieme al dolore cronico diffuso, la fatica è un altro sintomo tipico della fibromialgia. Questo sintomo è più pronunciato al risveglio, ma si verifica anche nel pomeriggio. Una leggera attività fisica può aumentare notevolmente il dolore e l'affaticamento, sebbene un riposo prolungato e l'inattività possano anche esacerbare i sintomi.

I pazienti con fibromialgia si sentono rigidi al mattino e hanno sonno, anche se hanno dormito per 8-10 ore. Tali pazienti di solito non dormono bene, spesso si svegliano e hanno difficoltà ad addormentarsi. Di solito i pazienti dicono: "Non importa per quanto tempo ho dormito, ma mi sento come se fossi investito da un camion"..

Fattori comportamentali e psicologici svolgono un ruolo nello sviluppo del quadro clinico della fibromialgia. È stato scoperto che la prevalenza di comorbidità psichiatriche nei pazienti con fibromialgia può arrivare dal 30% al 60% e l'incidenza dei disturbi mentali è ancora più elevata. Disturbi della depressione e dell'ansia sono le condizioni più comuni. Inoltre, la maggior parte dei pazienti ha un deficit cognitivo. Ad esempio, i pazienti di solito descrivono i loro problemi con concentrazione o attenzione come "nebbia nella testa"..

Il questionario FiRST (Fibromyalgia Rapid Screening Tool) è stato recentemente proposto per lo screening della fibromialgia (Tabella 3). I vantaggi del questionario sono la sua brevità e facilità di compilazione. La sua elevata sensibilità (90,5%) e specificità (85,7%) dovrebbe essere enfatizzata. È importante notare che il questionario è destinato allo screening e non può essere utilizzato solo per la diagnosi. I pazienti che hanno ottenuto 5 o più punti sul questionario FiRST devono essere attentamente esaminati per una diagnosi affidabile di fibromialgia.

Trattamento fibromialgia

Trattamento senza farmaci

Un'analisi appositamente condotta di vari metodi non farmacologici per il trattamento della fibromialgia ha mostrato che due metodi - la terapia cognitivo comportamentale e l'educazione fisica - hanno un'efficacia significativa (Tabella 4) [4]. Entrambi i trattamenti hanno mostrato un persistente miglioramento dei sintomi della fibromialgia per un anno o più.

Trattamento farmacologico

antidepressivi

Tra i farmaci, gli antidepressivi triciclici (TCA) sono stati tra i primi a trattare il dolore nella fibromialgia. È stato dimostrato che l'amitriptilina è in grado di alleviare l'intensità del dolore, migliorare il sonno e ridurre l'affaticamento nei pazienti con fibromialgia [5]. Allo stesso tempo, gli antidepressivi del gruppo di inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI) (fluoxetina, sertralina, citalopram, paroxetina) hanno mostrato bassa efficacia in studi randomizzati e controllati con placebo sulla fibromialgia [5].

Gli inibitori della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (SNRI) (venlafaxina, duloxetina, milnacipran) sono risultati più efficaci degli SSRI. Questi farmaci, come i TCA, inibiscono il ricupero della serotonina e della noradrenalina, tuttavia, a differenza dei TCA, praticamente non influenzano altri recettori. Questa selettività comporta un minor numero di effetti collaterali e una migliore tolleranza. Le prove della venlafaxina suggeriscono il suo uso efficace nel trattamento del dolore neuropatico e della fibromialgia [6].

Negli studi condotti con duloxetina, si è verificata una riduzione più pronunciata del punteggio complessivo sulla scala della fibromialgia del questionario sull'impatto della fibromialgia (FIQ) [7] e una riduzione del 30% del dolore nel 54% di quelli che assumevano il farmaco rispetto al 33% di quelli del gruppo placebo [8, 9]. La duloxetina è la Food and Drug Administration (FDA) approvata come SNRI per il trattamento del disturbo depressivo maggiore, del dolore neuropatico nel diabete mellito e della fibromialgia.

Milnacipran, ampiamente utilizzato come antidepressivo, è approvato dalla FDA per il trattamento della fibromialgia. In uno studio clinico randomizzato di 12 settimane (RCT), 125 pazienti con fibromialgia hanno ricevuto milnacipran una o due volte al giorno (a dosi fino a 200 mg / die) o placebo [10]. Solo il 37% dei pazienti con fibromialgia ha ottenuto una riduzione del dolore del 50% con una doppia dose, il 22% con una singola dose e il 14% con un placebo. In uno studio di 27 settimane di milnacipran su 888 pazienti con fibromialgia, l'intensità del dolore è diminuita di almeno il 30% nel 56% dei casi, rispetto al 40% nel gruppo placebo [11]. Gli effetti collaterali erano generalmente lievi e nausea e mal di testa erano più comuni..

Nonostante il fatto che molte sindromi da dolore cronico, inclusa la fibromialgia, siano accompagnate da depressione, alcuni studi hanno dimostrato che l'attività analgesica degli antidepressivi non dipende dal loro effetto sullo stato emotivo dei pazienti [7-11].

Una recente meta-analisi di 18 studi randomizzati ha confermato che gli antidepressivi possono ridurre il dolore nella fibromialgia, ridurre la depressione, l'affaticamento, ripristinare il sonno e migliorare la qualità della vita [5].

anticonvulsivanti

Pregabalin, un ligando di canali alfa-2-delta-calcio, approvato per il trattamento del dolore neuropatico ed è stato il primo farmaco approvato dalla FDA per il trattamento della fibromialgia.

Pregabalin (Lyrica) è il primo e finora l'unico farmaco in Russia ufficialmente registrato per il trattamento della fibromialgia. Pregabalin si lega al sito alfa-2-delta dei canali del calcio con tensione nel sistema nervoso centrale. A causa di una diminuzione dell'afflusso di calcio nei neuroni, il rilascio della sostanza P, glutammato e noradrenalina è ridotto, fornendo l'effetto analgesico e ansiolitico di pregabalin. L'attività di questo farmaco è limitata ai neuroni e non influisce sui canali vascolari del calcio.

In un ampio RCT di 528 pazienti con fibromialgia, pregabalin ha mostrato riduzioni significative del punteggio del dolore, miglioramento della qualità del sonno, riduzione della fatica e miglioramento del benessere generale [12]. I partecipanti allo studio hanno ricevuto un placebo o una dose di pregabalin (150, 300 o 450 mg / die) per 8 settimane. Tutti i pazienti che assumevano il farmaco hanno mostrato un miglioramento entro 2 settimane, che è persistito fino alla fine dello studio. Uno studio di follow-up di 6 mesi controllato con placebo ha arruolato 566 pazienti con fibromialgia che hanno completato lo studio in aperto di 6 settimane e hanno risposto al trattamento (responder) [13]. È stata effettuata la monoterapia con pregabalin 300, 450 o 600 mg / die (due volte al giorno). Di conseguenza, è stato dimostrato che la risposta al trattamento con pregabalin è prolungata nel tempo. Il tempo necessario per ridurre la risposta terapeutica è stato significativamente più breve nei soggetti trattati con placebo rispetto ai soggetti trattati con pregabalin. La terapia prolungata con pregabalin ha comportato un successivo deterioramento di parametri quali disturbi del sonno, affaticamento e benessere generale del paziente. Altri due grandi RCT, in cui il trattamento è durato 13-14 settimane, hanno dimostrato che la monoterapia con pregabalin era efficace nel ridurre l'intensità del dolore nella fibromialgia a dosi di 300, 450 e 600 mg / die [14, 15]. L'efficacia di pregabalin nel trattamento della fibromialgia è stata valutata in una meta-analisi dei risultati di sei studi randomizzati a cui hanno partecipato più di 2000 pazienti con fibromialgia [16, 17]. È stato dimostrato che pregabalin ha causato una diminuzione del dolore nella fibromialgia, un miglioramento del sonno e una migliore qualità della vita, ma non ha influito sulla gravità dell'umore depressivo. Inoltre, i pazienti con fibromialgia trattati con pregabalin hanno avuto riduzioni della fatica e dell'ansia..

Gabapentin, le cui proprietà farmacologiche sono simili a pregabalin, è stato utilizzato in una RCT di 12 settimane in 150 pazienti con fibromialgia [18]. Vi è stata una significativa riduzione del punteggio medio dell'intensità del dolore nel gruppo gabapentin rispetto al gruppo placebo. Inoltre, gabapentin ha migliorato in modo significativo il punteggio sulla scala di gravità della fibromialgia (FIQ), sul punteggio Patient Global Impression of Change (PGIC) e sulla scala della qualità del sonno. Rispetto al placebo, gabapentin ha aumentato significativamente l'incidenza di sedazione, vertigini e vertigini..

Il tramadolo è un analgesico ad azione centrale che si lega ai recettori mu-oppioidi e inibisce il ricupero di noradrenalina e serotonina. La combinazione di paracetamolo (acetaminofene) e tramadolo in un rapporto di 8: 1 ha mostrato sinergismo di entrambi i farmaci nei modelli di dolore preclinico. Durante una RCT multicentrica di 13 settimane, tramadolo / paracetamolo a dosi di 37,5 mg / 325 mg ha alleviato il dolore fibromialgico in modo più efficace rispetto al placebo [21]. Tutti gli eventi avversi riportati in questo studio (eventi avversi transitori e non gravi) erano ben note complicanze del tramadolo: vertigini (vertigini), nausea, vomito, costipazione, sonnolenza, mal di testa e debolezza..

L'efficacia delle benzodiazepine nel trattamento della fibromialgia non è completamente compresa. Molti studi hanno prodotto risultati contrastanti. Ad esempio, le benzodiazepine, incluso l'alprazolam (0,5-3,0 mg al momento di coricarsi), non hanno mostrato un vantaggio rispetto al placebo per il trattamento del dolore nella fibromialgia, ma il clonazepam è stato abbastanza efficace nell'alleviare il dolore temporo-mandibolare, che è spesso osservato nella fibromialgia [22, 23]. Inoltre, questo farmaco è stato abbastanza efficace nell'alleviare la sindrome delle gambe senza riposo, che è una causa comune di sonno irrequieto e intermittente nei pazienti con fibromialgia..

L'uso sistemico della lidocaina è stato usato per il trattamento di pazienti con fibromialgia: infusioni singole e di corso di lidocaina a dosi di 5-7 mg / kg hanno portato a una riduzione piuttosto evidente del dolore nei pazienti con fibromialgia [24]. In un recente RCT in pazienti con fibromialgia, 50 mg di lidocaina sono stati iniettati in un punto doloroso nel muscolo trapezio. Di conseguenza, è stata osservata non solo una riduzione locale del dolore nel sito di iniezione, ma anche un effetto analgesico generale [25]. Questo studio ha dimostrato l'importante ruolo dei tessuti periferici nello sviluppo dell'iperalgesia nella fibromialgia e ha dimostrato l'uso clinico delle iniezioni di anestetico locale per alleviare il dolore nella fibromialgia..

Conclusione

Pertanto, oggi ci sono quattro direzioni principali nel trattamento della fibromialgia (Tabella 5): 1) riduzione del dolore periferico, in particolare del dolore muscolare; 2) prevenzione della sensibilizzazione centrale; 3) normalizzazione dei disturbi del sonno; 4) trattamento della patologia concomitante, in particolare depressione. Il primo approccio è più focalizzato sulla gestione del dolore acuto nella fibromialgia e include l'uso di fisioterapia, miorilassanti, iniezioni muscolari e analgesici. La sensibilizzazione centrale è controllata con successo dalla terapia cognitivo comportamentale, correzione del sonno, antidepressivi e anticonvulsivanti. I disturbi del sonno sono corretti dalla riduzione dello stress, dall'esercizio aerobico e dagli agonisti dell'acido gamma-aminobutirrico (GABA). I farmaci e la terapia comportamentale per gli affetti da dolore secondario (ansia, depressione, paura) sono tra le strategie di trattamento più promettenti per la fibromialgia. Sebbene qualsiasi combinazione di questi approcci possa essere molto utile per i pazienti con fibromialgia, solo studi comparativi possono fornire dati affidabili sull'efficacia di un particolare trattamento. Tutti gli specialisti sottolineano la necessità di un approccio multimodale integrato nel trattamento della fibromialgia, compresi i metodi farmacologici e non farmacologici..

Letteratura

  1. Mease P. Fibromyalgia sindrome: una revisione della presentazione clinica, patogenesi, misure di esito e trattamento // J Rheumatol. 2005; 32, suppl. 75: 6-21.
  2. Smythe H. A., Moldofsky H. Due contributi alla comprensione della sindrome della "fibrosite" // Bull Rheum Dis. 1977; 28: 928-931.
  3. Wolfe F., Smythe H. A., Yunus M. B. et al. Criteri dell'American College of Rheumatology 1990 per la classificazione della fibromialgia: rapporto del Comitato dei criteri multicentrici // Arthritis Rheum. 1990; 33 (2): 160-172.
  4. Jones K. D., Adams D., Winters-Stone K. et al. Una rassegna completa di 46 studi di trattamento degli esercizi sulla fibromialgia (1988-2005) // Health Qual Life Outcomes. 2006; 4: 67-73.
  5. Hauser W., Bernardy K., Uceyler N. et al. Trattamento della sindrome di fibromialgia con antidepressivi: una metaanalisi // JAMA. 2009; 301 (2): 198–209.
  6. Zijlstra T. R., Barendregt P. J., van de Laar M. A. Venlafaxine nella fibromialgia: risultati di uno studio randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco [abstract] // Arthritis Rheum. 2002; 46: S105.
  7. Bennett R. The Fibromyalgia Impact Questionnaire (FIQ): una revisione del suo sviluppo, versione attuale, caratteristiche operative e usi // Clin Exp Rheumatol. 2005; 23 (5): S. 154-16-21
  8. Arnold L. M., Rosen A., Pritchett Y. L. et al. Uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo di duloxetina nel trattamento di donne con fibromialgia con o senza disturbo depressivo maggiore // Dolore. 2005; 119 (1-3): 5-15.
  9. Choy E. H. S., Mease P. J., Kajdasz D. K. et al. Sicurezza e tollerabilità della duloxetina nel trattamento di pazienti con fibromialgia: analisi aggregata dei dati di cinque studi clinici // Clin Rheumatol. 2009; 28 (9): 1035-1044.
  10. Vitton O., Gendreau M., Gendreau J. et al. Uno studio in doppio cieco controllato con placebo su milnacipran nel trattamento della fibromialgia // Hum Psychopharmacol. 2004; 19 Suppl. 1: S27–35.
  11. Mease P. J., Clauw D. J., Gendreau R. M. et al. L'efficacia e la sicurezza di milnacipran nel trattamento della fibromialgia: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo // J Rheumatol. 2009; 36 (2): 398-409.
  12. Crofford L. J., Rowbotham M. C., Mease P. J. et al. Pregabalin per il trattamento della sindrome fibromialgica: risultati di uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo // Arthritis Rheum. 2005; 52 (4): 1264-1273.
  13. Crofford L. J., Mease P. J., Simpson S. L. et al. Valutazione della recidiva della fibromialgia ed efficacia per la durata del sollievo significativo (FREEDOM): uno studio di 6 mesi, in doppio cieco, controllato con placebo con pregabalin // Pain. 2008; 136: 419-431.
  14. Arnold L. M., Russell I. J., Diri E. W. et al. Uno studio di monoterapia di pregabalin di 14 settimane, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, su pregabalin in pazienti con fibromialgia // J Pain. 2008; 9: 792-805.
  15. Mease P. J., Russell I. J., Arnold L. M. et al. Uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di fase III di pregabalin nel trattamento di pazienti con fibromialgia // J Rheumatol. 2008; 35: 502-514.
  16. Hauser W., Bernardy K., Uceyler N. et al. Trattamento della sindrome fibromialgica con gabapentin e pregabalin: una meta-analisi di studi randomizzati controllati // Dolore. 2009; 145 (1-2): 69-81.
  17. Straube S., Derry S., Moore R., McQuay H. Pregabalin nella fibromialgia: meta-analisi di efficacia e sicurezza dai report degli studi clinici dell'azienda // Reumatologia. 2010; 49: 706-715.
  18. Arnold L. M., Goldenberg D. L., Stanford S. B. et al. Gabapentin nel trattamento della fibromialgia: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, multicentrico // Arthritis Rheum. 2007; 56 (4): 1336-13443.
  19. Tofferi J. K., Jackson J. L., O'Malley P. G. Trattamento della fibromialgia con ciclobenzaprina: una meta-analisi // Arthritis Rheum. 2004; 51 (1): 9-13.
  20. Xaio Y., Michalek J. E., Russell I. J. Effetti della tizanidina sulla sostanza fluida cerebrospinale P in pazienti con fibromialgia. In: Saper JR, editore. Agonisti alrenergici Alpha-2: prove ed esperienza esaminate. Worcester, Regno Unito: The Royal Society of Medicine Press, The Trinity Press, 2002: 23-28.
  21. Bennett R. M., Kamin M., Karim R. et al. Compresse combinate di tramadolo e acetaminofene nel trattamento del dolore fibromialgico: uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo // Am J Med. 2003; 114 (7): 537-545.
  22. Russell I. J., Fletcher E. M., Michalek J. E. et al. Trattamento della fibrosi primaria / sindrome della fibromialgia con ibuprofene e alprazolam: uno studio in doppio cieco, controllato con placebo // Arthritis Rheum. 1991; 34 (5): 552-556.
  23. Fishbain D. A., Cutler R. B., Rosomoff H. L. et al. Clonazepam studio clinico aperto per il trattamento del dolore cronico associato alla sindrome miofasciale // Pain Med. 2000; 1 (4): 332-339.
  24. Bennett M. I., Tai Y. M. Lignocaina endovenosa nella gestione della sindrome da fibromialgia primaria // Int J Clin Pharmacol Res. 1995; 15 (3): 115-119.
  25. Staud R., Nagel S., Robinson M. E. et al. L'elaborazione avanzata del dolore centrale nei pazienti con fibromialgia è mantenuta dall'input afferente ai muscoli: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo // Pain. 2009; 145: 96-104.

A. B. Danilov, dottore in scienze mediche, professore

GBOU VPO Prima MGMU. Ministero della sanità e dello sviluppo sociale della Russia, Mosca I.M.Sechenova

Fibromialgia. Sintomi, diagnosi, trattamento

La fibromialgia è una condizione cronica che provoca dolore muscoloscheletrico, dolorabilità e rigidità in varie parti del corpo, nonché disturbi del sonno e affaticamento.

La fatica è l'aspetto più frustrante della fibromialgia in quanto può influenzare l'umore, la concentrazione, la memoria e la capacità di pensare chiaramente. Altri sintomi includono i seguenti:

  • Mal di testa
  • Malattie delle articolazioni
  • Sindrome dell'intestino irritabile
  • Cattiva circolazione e formicolio nella periferia
  • Minzione frequente
  • allergie

In alcuni casi, i sintomi iniziano dopo eventi come un intervento chirurgico, uno sforzo fisico intenso o un'infezione. Un grave stress psicologico può anche portare a sintomi. Alcune persone con fibromialgia riferiscono che il loro dolore peggiora con le condizioni meteorologiche.

Chi è affetto da fibromialgia?

La fibromialgia è una condizione comune che si stima colpisca circa 1 persona su 25 in tutto il mondo. Sebbene la malattia possa colpire gli uomini, le donne hanno una probabilità dieci volte maggiore di svilupparla. Nella maggior parte dei casi, i sintomi iniziano tra i 20 e i 50 anni e la condizione è più comune nelle persone anziane, anche se i bambini possono sviluppare anche la condizione.

Cause di fibromialgia

La causa esatta di questa condizione non è nota, ma gli esperti sospettano che la fibromialgia sia il risultato del fatto che il cervello e il sistema nervoso non sono in grado di elaborare i segnali del dolore in modo normale, causando l'intensificazione del dolore. In alcuni studi, le scansioni del cervello hanno mostrato un'alterata gestione del dolore nei soggetti con fibromialgia. I ricercatori hanno anche trovato livelli insufficienti di serotonina nel sistema nervoso e conseguenti squilibri nel liquido cerebrospinale coinvolti nella trasmissione del dolore..

Di solito, le persone avvertono dolore solo quando il corpo è direttamente ferito o danneggiato da una condizione come l'artrite.

Diagnosi di fibromialgia

Al momento non esistono test specifici per diagnosticare la fibromialgia e molte persone con questa condizione hanno normali esami del sangue, radiografie e risultati della scansione. Ma, di norma, il medico curante eseguirà comunque questi test per escludere la possibilità di altre condizioni che possono causare sintomi..

Trattamento

Questa condizione dolorosa non risponde al trattamento, quindi il trattamento mira a ridurre e alleviare i sintomi e migliorare il più possibile la salute generale. Sono disponibili vari farmaci che possono aiutare a ridurre i sintomi e le tecniche di autogestione come l'esercizio fisico, le tecniche di rilassamento e la gestione dello stress.

Farmaci: gli antidepressivi aiutano ad alleviare il dolore e la depressione nella fibromialgia. Il medico può anche prescrivere antidolorifici per alleviare i sintomi..

Terapia: varie forme di terapia comprendono la terapia fisica per rafforzare i muscoli e aumentare la resistenza e la terapia cognitivo comportamentale, che mira ad aumentare la fiducia in se stessi e insegnare la gestione dello stress e le tecniche di coping.

Medicina alternativa: varie forme di medicina alternativa, tra cui agopuntura, massaggio e yoga

Esercizio fisico: l'esercizio fisico regolare che aumenta gradualmente nel tempo può alleviare il dolore. Camminare, nuotare e andare in bicicletta sono attività fisiche ideali per questa condizione. Anche esercizi di stretching e rilassamento possono essere utili.

Foto di anteprima: clma-nn.ru

Incorporare Pravda.Ru nel flusso di informazioni se si desidera ricevere commenti operativi e notizie:

Aggiungi Pravda.Ru alle tue fonti in Yandex.News o News.Google

Saremo anche felici di vederti nelle nostre community su VKontakte, Facebook, Twitter, Odnoklassniki.

Sintomi di fibromialgia

Tutto il contenuto di iLive viene esaminato da esperti medici per garantire che sia il più preciso e fattuale possibile.

Abbiamo linee guida rigorose per la selezione di fonti di informazione e ci colleghiamo solo a siti Web affidabili, istituti di ricerca accademica e, ove possibile, comprovata ricerca medica. Si noti che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono collegamenti cliccabili a tali studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri materiali sia impreciso, obsoleto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

I sintomi della fibromialgia possono essere molteplici, ma il principale segno clinico è il dolore diffuso (diffuso) nei muscoli, tendini e legamenti. Non è un caso che la fibromialgia sia considerata uno dei tipi di una malattia di base chiamata mialgia, dalle parole greche myos e algos - muscolo e dolore. In precedenza, la malattia aveva vari nomi - e fibrosite e tendomiopatia, nonché reumatismi psicogeni o muscolari. La mialgia, a differenza dell'artrite e dell'artrosi, non è accompagnata da dolore alle articolazioni, ferisce solo i tessuti molli, la natura del dolore è diffusa o intermittente.

Il dolore sintomatico nella fibromialgia è localizzato in aree come spalle, collo, parte posteriore della testa e parte bassa della schiena. Le sensazioni dolorose non sono associate a infiammazione o cambiamenti patologici nello scheletro o nell'apparato muscolare, sono difficili da descrivere e concretizzare verbalmente, inoltre i sintomi della fibromialgia sono estremamente simili alle manifestazioni di altre malattie, motivo per cui la fibromialgia viene diagnosticata nelle fasi successive del suo sviluppo. La fibromialgia è leader nelle malattie che provocano depressione, che riduce significativamente la qualità della vita del paziente. Ad oggi, le statistiche registrano circa 20 milioni di pazienti con questa malattia e la prevalenza della mialgia cresce ogni anno. Nei paesi europei e negli Stati Uniti, la fibromialgia è considerata un'unità nosologica separata e si colloca al secondo posto dopo l'artrite nel numero di casi diagnosticati nella categoria di patologie del sistema muscoloscheletrico

Segni di fibromialgia

Il dolore nasce da sensazioni insignificanti, alle quali una persona inizialmente non presta attenzione, quindi quasi tutto il tempo di veglia è dedicato a una dolorosa lotta con il dolore, che non può essere "attaccato" a nessuna particolare malattia. Vi è un crescente malinteso e, a volte, irritazione delle persone intorno al paziente, spesso tali manifestazioni possono essere da parte di medici ignoranti. Una persona malata viene reindirizzata a vari specialisti ristretti - da terapista, chirurgo, neuropatologo a psichiatra o psicoterapeuta. A proposito, l'aiuto di quest'ultimo non sarà comunque superfluo, poiché la fibromialgia ha anche sintomi neuropsichiatrici, cioè è sempre accompagnata da uno stato depressivo..

I sintomi continuano a crescere, compaiono affaticamento, apatia e insonnia. Anche il piccolo stress emotivo, intellettuale o fisico diventa un serio test per il paziente. Poche persone credono, ma un semplice movimento, come l'inclinazione, per mettere le scarpe dà una persona a volte insopportabile tormento, per non parlare di fare un lavoro più difficile. Sentirsi incompresi, diffidenti e incapaci di spiegare e, soprattutto, dimostrare i loro problemi, una persona con mialgia si dispera. Non è un caso che i pochi medici che studiano e possono diagnosticare la fibromialgia chiamano la malattia l'inabilità invisibile..

Oltre al dolore diffuso in tutto il corpo, i sintomi della fibromialgia sono i seguenti:

  • Affaticamento persistente, stanchezza, anche dopo il riposo, sonno.
  • Costante rigidità di muscoli e articolazioni, soprattutto al mattino. Il corpo "si sveglia" per molto tempo.
  • La fase lenta disturbata del sonno (sonno profondo), durante la quale il corpo riposa e rilassa davvero. Di conseguenza, la sensazione mattutina di essere sopraffatti.
  • Mal di testa ricorrenti a seguito di dolore alla cintura scapolare e al collo.
  • Sensazione di intorpidimento degli arti, gonfiore dei tessuti attorno alle articolazioni, soprattutto al mattino (l'articolazione non fa male).
  • Ipersensibilità dei punti trigger (vedi sotto), aree intorno alle articolazioni.
  • Disturbi periodici dell'apparato digerente, non associati ad avvelenamento, malnutrizione e malattie gastroenterologiche.
  • RLS - sindrome delle gambe senza riposo, un sintomo neurologico caratteristico delle parestesie delle gambe (attività fisica eccessiva, più spesso durante il sonno).

Molto spesso, i pazienti descrivono vagamente sensazioni dolorose, ma molto emotivamente, la descrizione più tipica è "dolore in tutto il corpo" o "dalla testa ai piedi". Ovviamente, questo è vero, soprattutto se il dolore è accompagnato da crampi intermedi e intorpidimento. Negli ultimi decenni, sono stati osservati sempre più segni di fibromialgia non solo negli adulti, ma anche nei bambini, specialmente nelle ragazze della pubertà. Le manifestazioni della mialgia nei pazienti adulti e i sintomi della malattia nei bambini differiscono l'uno dall'altro..

Sintomi della fibromialgia che sono comuni negli adulti

La FMS (fibromialgia - fibro / legamento, mio ​​/ muscolo, algia / dolore) presenta i seguenti sintomi clinici:

  • Rigidità - rigidità, ossificazione di tutto il corpo. Un sintomo che si nota più spesso al mattino, ma può anche apparire a seconda delle variazioni di temperatura.
  • Segni simili a quelli di un'emicrania. Il dolore può iniziare nella parte posteriore della testa, irradiarsi alle tempie o nell'area dietro gli occhi. L'articolazione temporo-mandibolare è interessata nel 25-30% dei pazienti con diagnosi di FMS.
  • Insonnia o disturbi del sonno, insonnia. In termini di lunghezza, il tempo di sonno può corrispondere alla norma, ma la persona non lascia la sensazione di affaticamento. C'è anche una violazione della fase di addormentarsi, ci sono spesso casi di sensazione di mancanza d'aria durante il sonno, fino all'arresto respiratorio, asfissia.
  • Disturbi persistenti che possono essere attribuiti a problemi gastroenterologici: flatulenza, sindrome dell'intestino irritabile, diarrea o costipazione. Spesso dolorosamente incapace di deglutire il cibo, ciò è dovuto a disturbi neurologici, che sono anche "famosi" per la fibromialgia.
  • Disfunzione del sistema genito-urinario: frequente bisogno di urinare senza infezione o infiammazione della vescica. Le donne, che molto spesso soffrono di fibromialgia, notano un ciclo mestruale eccessivamente lungo, doloroso e prolungato.
  • Disturbo sensoriale degli arti, bruciore, sensazioni di formicolio o intorpidimento - parestesia degli arti.
  • La sensibilità termica è una reazione ai minimi cambiamenti di temperatura, sia nell'ambiente che nelle sensazioni interne. Inoltre, i pazienti con fibromialgia hanno la cosiddetta sindrome di Raynaud - angiodystonia, in cui si forma un'area ischemica che cambia colore sull'arto. 8.
  • Manifestazioni dermatologiche: pelle secca, spesso sintomi simili all'ittiosi (cheratosi, cheratinizzazione della pelle). Le dita si gonfiano spesso, l'edema non è associato a malattie articolari, cioè all'artrosi.
  • Dolore nella zona del torace, che i medici occidentali chiamano dolore toracico e disfunzione. Tale dolore si manifesta più spesso dopo che una persona è rimasta in una posizione per molto tempo (lavoro seduto al tavolo, lavoro in piedi e così via). Il dolore toracico è accompagnato da sintomi simili alla cardialgia (prolasso della valvola mitrale).
  • I sintomi della fibromialgia possono manifestarsi sotto forma di squilibrio - atassia. L'incoerenza dei gruppi muscolari provoca una coordinazione motoria compromessa, vertigini fino a nausea e perdita di coscienza.
  • I problemi oftalmici possono anche essere uno dei sintomi della fibromialgia. I disturbi sensoriali sotto forma di difficoltà a focalizzare lo sguardo, difficoltà nella lettura, secondo gli esperti, sono causati da muscoli atonici indeboliti del collo, che non possono partecipare adeguatamente alla trasmissione degli impulsi nervosi.
  • I picchi di pressione sanguigna, principalmente nella direzione di un forte calo, sono uno dei sintomi secondari della FMS. Ciò è particolarmente pronunciato quando il paziente cambia bruscamente la posizione del corpo da orizzontale a verticale.
  • Compromissione cognitiva - riduzione della concentrazione di attenzione, memoria (soprattutto operativa, a breve termine). Nella pratica clinica, tali fenomeni sono chiamati fibro-nebbia - "nebbia fibromialgica".
  • Sintomi neurologici: sindrome delle gambe senza riposo o sindrome delle gambe senza riposo, che si verifica in quasi ogni terzo paziente con fibromialgia.
  • Maggiore reattività sensoriale, sensibilità. Qualsiasi odore, colore o lampi di luce possono provocare un attacco di dolore mialgico, più o meno come con un'emicrania, con una differenza: l'emicrania è accompagnata da un mal di testa, non da un dolore muscolare.
  • I sintomi allergici sono rari, ma può anche essere un sintomo secondario della fibromialgia. La differenziazione dai sintomi della malattia allergica sottostante si basa su ulteriori sensazioni di dolore, ad esempio nei seni paranasali, che non sono tipici delle allergie classiche.
  • La fibromialgia manifesta anche sintomi sotto forma di disturbi psicoemotivi - depressioni, che devono essere differenziate dalla distimia classica e dalle categorie nosologiche psichiatriche. La FMS non può essere una forma di disturbo ipocondriaco o depressione; al contrario, queste condizioni sono le sindromi sintomatiche concomitanti della fibromialgia..
  • La temperatura corporea subfebrilare, uno stato febbrile transitorio sono comuni. La fibromialgia manifesta anche sintomi nell'ipertermia, quando la temperatura può aumentare rapidamente e altrettanto rapidamente scendere ai valori normali.

Sintomi di fibromialgia che sono comuni nei bambini

La fibromialgia nei bambini viene diagnosticata molto raramente, poiché è molto più difficile per i bambini che per gli adulti formulare e concretizzare i propri sentimenti.

I principali sintomi diagnostici evidenti possono essere sensazioni dolorose in specifici punti teneri del corpo. Questi criteri sono stati sviluppati oltre venti anni fa dall'American Association of Rheumatology (ACR). Per i pazienti adulti, anche il dolore in queste zone è caratteristico, ma nei bambini la fibromialgia manifesta sintomi più nascosti, quindi la sensibilità dei punti trigger viene determinata dall'esterno quando esaminata dalla palpazione. Se un bambino sviluppa dolore in 5-7 punti su 18 suggeriti come sintomi diagnostici, questo indica la presenza della malattia. Le zone del dolore si trovano nell'area della cintura della spalla, della schiena, dei glutei e della parte bassa della schiena, e ci sono anche zone di controllo: la fronte e la zona sopra l'epifisi del perone. Il dolore in queste aree per 2-3 mesi è un sintomo di fibromialgia nei bambini..

I sintomi della fibromialgia possono essere unilaterali, nel qual caso il bambino cerca di limitare il movimento al braccio o alla gamba da cui appare il disagio. Inoltre, i bambini abbastanza spesso involontariamente cercano di compensare il dolore con una posizione del corpo unilaterale quando eseguono azioni semplici, ad esempio quando mangiano, fanno lezioni (girando il corpo, il collo). Nel tempo, il dolore inizia ad acquisire un carattere diffuso e si diffonde nella seconda parte del corpo precedentemente non interessata.

Il bambino può lamentare dolore alle braccia o alle gambe, anche se esternamente le articolazioni sembrano abbastanza sane. Caratteristica della fibromialgia nei bambini è anche il dolore nella regione del cuore che non ha indicatori obiettivi di cardiopatologia. I genitori attenti di solito notano tali segni, tuttavia, quando si consultano in istituti medici, a un bambino viene spesso diagnosticata una malattia con sintomi simili - postura del corpo compromessa (scoliosi, cifosi e altri). Spesso, i sintomi della fibromialgia infantile, a causa della scarsa conoscenza, vengono diagnosticati come reumatismi o malattie cardiache, sebbene gli esami di laboratorio e degli apparati non rivelino deviazioni significative dalle norme.

Ulteriori segni che possono aiutare a identificare tempestivamente la fibromialgia nei bambini possono includere i seguenti sintomi:

  • Fatica costante che non ha ragioni oggettive - intenso stress fisico o mentale. Una caratteristica dell'affaticamento "da bambini" è il desiderio di dormire la sera (dalle 17 alle 19 ore).
  • Disturbi del sonno: difficoltà ad addormentarsi, stanchezza mattutina, sensazione di stanchezza.
  • Depressione, abbattimento, apatia, molto spesso al mattino.
  • Disturbi gastrointestinali, più comunemente diarrea (al contrario dei sintomi negli adulti, quando questi disturbi sono misti).
  • A differenza degli adulti, il bambino si lamenta spesso di mal di testa rispetto ai muscoli.
  • Diminuzione delle capacità cognitive. A differenza degli adulti, i bambini non soffrono di memoria operativa, ma di memoria a lungo termine. Si sviluppa la distrazione, le prestazioni scolastiche diminuiscono.
  • I bambini hanno maggiori probabilità di avere la sindrome delle gambe senza riposo rispetto agli adulti.

La fibromialgia aumenta i sintomi, il bambino si ritira, è depresso, si sente isolato e indifeso a causa del fatto che non può descrivere specificamente i suoi sentimenti.

In generale, i sintomi della fibromialgia possono essere classificati secondo lo schema proposto dai reumatologi americani:

Criteri secondo ACR

Informazioni anamnestiche sulle sensazioni del dolore

Il dolore è diffuso, dura almeno 3 mesi e si diffonde in 4 zone: sopra e sotto la parte bassa della schiena, a sinistra e a destra

Sensazioni dolorose nei punti di innesco (bilaterale - destra e sinistra):
11 punti su 18 per gli adulti;
4-5 punti su 18 per i bambini

La parte posteriore della testa, la zona inferiore del collo, i muscoli periostali sopra la scapola, i muscoli trapezi, la seconda costola, l'epicondilo dell'osso della spalla, i muscoli dei glutei, il grande trocantere, il ginocchio.

Descrizione delle sensazioni dalle parole del paziente (segni soggettivi)

Indicatori energetici (attività)

Stanchezza, letargia, apatia

Funzioni sociali generali

Attività significativamente ridotta, fino al punto di impotenza

Sensibilità: fisica, sensoriale

Sonno poco profondo, difficoltà ad addormentarsi e svegliarsi, insonnia

Che cos'è la fibromialgia, i sintomi e il trattamento a casa

Tra le malattie che i medici non comprendono, ce n'è una chiamata fibromialgia. È dolorosa per le persone, a causa sua, è andata all'ospedale di Lady Gaga. Gli scienziati nominano tre versioni che rivelano le cause della condizione.

Cos'è la fibromialgia

I medici affermano che la fibromialgia è una manifestazione di un complesso complesso di sintomi cronici causato da cambiamenti patologici nei sistemi nervoso ed endocrino. Sono causati da una carenza di numerosi ormoni e dall'azione insufficientemente attiva dei neurotrasmettitori responsabili della psiche umana. Di conseguenza, la soglia del dolore diminuisce. Di conseguenza, diversi tipi di esposizione, usuali per una persona sana, in un paziente con fibromialgia, provocano una violenta reazione psicoemotiva con forte dolore.

Gli scienziati stanno anche considerando una versione delle cause autoimmuni ed ereditarie della fibromialgia. In questo caso, i provocatori sono:

  • Fatica.
  • Intervento operativo.
  • Lesione.
  • Malattie virali.
  • Malfunzionamenti delle ghiandole endocrine, come l'ipotiroidismo.
  • Patologie sistemiche.
  • Mancanza di serotonina.
  • Vaccini e alcuni farmaci.

La malattia colpisce più spesso le donne nella fascia di mezza età (40-45 anni), sebbene si manifesti nel 2-4% della popolazione mondiale, indipendentemente dal sesso e dall'età.

Sintomi della fibromialgia, come si manifesta

La malattia si sviluppa impercettibilmente. La sua peculiarità risiede nella variabilità delle caratteristiche.

Dolore localizzato in uno o più punti dell'apparato muscolo-legamentoso.

Di norma, vanno dal medico con questo sintomo solo 6-8 anni dopo la prima apparizione. L'area cervicale e occipitale, i punti su ginocchia, fianchi, gomiti e schiena hanno una maggiore sensibilità. Il loro numero raggiunge 18 o 9 coppie, ma quando ne vengono trovati 11, la diagnosi di fibromialgia viene confermata..

Il dolore simmetrico può essere pulsante o monotono con intorpidimento in alcune aree o formicolio. L'intensità del disagio è influenzata da condizioni meteorologiche, esaurimenti nervosi, infezione, sovraccarico fisico..

Quando si preme su aree dolorose, il disagio si intensifica, ma non si irradia. Questo sintomo è caratteristico della fibromialgia. I punti di controllo si trovano nella parte centrale della fronte e della coscia, la superficie volar del mezzo dell'avambraccio, sull'unghia del primo dito della mano. La psicosomatica è accompagnata da dolore in queste aree. La pressione su di loro nelle persone sane non provoca alcun disagio..

Segni più caratteristici della malattia:

  • Affaticamento (leggero o grave). Si è verificato un sonno di "non recupero".
  • Emicrania.
  • Rigidità muscolare al mattino.
  • Scarsa memoria, ridotta concentrazione, percezione, elaborazione di nuove informazioni.
  • Scoppi di attività cerebrale che possono interrompere il sonno profondo.

L'assunzione di farmaci nel tempo influisce sul fegato, portando all'immunodeficienza secondaria. I pazienti lamentano anche disturbi intestinali o di movimento, fotofobia, mestruazioni dolorose. Allo stesso tempo, le articolazioni, gli organi interni rimangono sani.

Diagnosi accurata

Un sondaggio standard non fornisce sempre una risposta definitiva. I metodi differenziali vengono utilizzati per escludere altre patologie identiche. Il medico verifica la presenza di una serie di criteri diagnostici caratteristici della fibromialgia:

  • Dolore muscolare comune in tutto il corpo che non si attenua per 3 mesi.
  • Il numero di aree dolorose (11 su 18) che sono apparse durante l'ultima settimana. Sono determinati da più di un diagnostico per escludere il fattore di soggettività.
  • L'assenza di altre patologie che provocano dolore. Stiamo parlando di intossicazione, disturbi mentali cronici, neoplasie maligne, reumatismi, malattie del sistema endocrino.

Alcuni medici avvertono i loro colleghi contro la diagnosi eccessiva, definiscono la fibromialgia una diagnosi di esclusione e raccomandano di monitorare il paziente per un anno. A volte mandano il paziente da uno psichiatra, credendo che le cause della condizione siano molto probabilmente nella testa..

Quale medico contattare

Il processo terapeutico è lungo e complesso. I metodi di trattamento sono determinati privatamente, a seconda dello stato di salute di ciascun paziente. È spesso necessario l'aiuto di medici di specialità correlate, ad esempio un terapista della riabilitazione, fisico e psicoterapeuta.

Trattamento farmacologico

Per un buon sonno e sollievo dal dolore, sono prescritti:

  • Farmaci antinfiammatori non ormonali. Sono assunti localmente, poiché la somministrazione orale a lungo termine irrita la mucosa del canale alimentare. Il dolore si attenua con un'infusione singola o sistemica di lidocaina (da 5 a 7 mg / kg di peso corporeo).
  • Antidolorifici: ibuprofene, acetaminofene. La dipendenza può verificarsi dopo un uso prolungato di analgesici narcotici come Tramadol. Riduce il dolore, migliora il benessere del paziente, ma è associato a gravi effetti collaterali.
  • Rilassante muscolare Baclofen affronta il tono muscolare.
  • Per eliminare l'ansia, vengono prescritti farmaci dal gruppo di antidepressivi atipici e triciclici (Amitriptilina), così come Duloxetina, Fluoxetina per aumentare istantaneamente il livello di neurotrasmettitori. Il corso del trattamento dura 1,5 mesi.
  • Le formulazioni antiepilettiche (anticonvulsivanti), come Pregabalin (Lyrica), che ha un ampio intervallo terapeutico, allevia i dolori neurolettici di varia natura. Formulato appositamente e formalmente approvato per il trattamento della fibromialgia. Il dosaggio, a seconda del complesso dei sintomi, è selezionato dal medico. In caso di intolleranza, viene prescritto Gabapentin - un rimedio che allevia il dolore muscoloscheletrico, ma ha una lunga lista di effetti collaterali.
  • Le benzodiazepine e altri tranquillanti influenzano il sonno ad onde lente, quindi recentemente è stata messa in discussione l'opportunità del loro uso.
  • Vitamine C ed E come antiossidanti.

Di metodi non medicinali:

  • Massaggio: allevia la tensione muscolare, l'ansia, lo stress.
  • Terapia manuale: riduce l'intensità del dolore muscolare e aumenta la mobilità articolare.
  • Riflessologia: influenza la portata del flusso sanguigno e la regolazione dei livelli di neurotrasmettitori responsabili del dolore.
  • Esposizione al freddo: riduce il dolore, normalizza i nervi, la microcircolazione del sangue nei tessuti muscolari, allevia gli spasmi, ripristina il sonno.
  • Effetti locali dell'irradiazione laser. Il metodo ha mostrato un'alta efficienza in combinazione con l'assunzione di antidepressivi e farmaci antinfiammatori non steroidei..
  • Esercizi di fisioterapia: migliora le condizioni dei muscoli, migliora l'umore, normalizza la funzionalità del sistema nervoso centrale. Con un regolare esercizio fisico, è possibile prevenire i cambiamenti atrofici nel tessuto muscolare, migliorare il sonno e il benessere, alleviare l'affaticamento e il dolore. Il set di esercizi è selezionato individualmente per ciascun paziente. Nella fase iniziale, il processo è monitorato da un medico di riabilitazione e successivamente eseguito a casa. Puoi iniziare con l'aerobica in acqua, esercizi di stretching, passeggiate all'aria aperta.
  • Meditazione: fornisce respirazione profonda e aiuta a controllare i sintomi della fibromialgia.

Ricercatori tedeschi hanno riportato l'efficacia dell'agopuntura. E i medici di Volgograd hanno sviluppato il proprio metodo, che include anche l'effetto locale dei FANS, così come il dimetilsolfossido, in tali sessioni. Allo stesso tempo, il numero di punti dolorosi è diminuito e tutti i segni clinici, compresi i disturbi mentali, hanno ricevuto anche dinamiche positive..

Il sollievo paziente sostenuto è ottenuto attraverso l'uso di bio-feedback efficace e terapia cognitiva comportamentale. Vengono condotte lezioni per insegnare ai pazienti a vivere indipendentemente dal dolore.

Trattamento con rimedi popolari

I sintomi della fibromialgia sono alleviati con l'uso di ricette di medicina alternativa. Per attivare le forze vitali del corpo, per normalizzare il funzionamento del sistema nervoso, la gente usava la tintura della vite cinese di magnolia. Per questo, sono stati presi 50 g di foglie, versati con un bicchiere di alcool a 70 °, tenuti al buio per 2 settimane e presi a partire da 5 gocce 2 volte al giorno.

Hanno combattuto con l'insonnia, l'eccessiva irritabilità con l'aiuto di succo di dente di leone medicinale. È stato ottenuto da un'intera pianta frantumata. Conservato al freddo. Bevvero 4 volte al giorno, 30 gocce per sei mesi.

Una miscela di olio d'oliva (1 l) e 50 g di polvere di timo secco. Il tempo di cottura a fuoco lento è di 2 ore. Dopo l'infusione, viene utilizzato per massaggiare la zona posteriore. Corso 2 settimane.

Ma non dovresti fare affidamento solo sui rimedi popolari. Non sono in grado di far fronte autonomamente ai sintomi della fibromialgia, ma sono usati in aggiunta alla terapia farmacologica e non farmacologica..

L'assistenza medica è già richiesta alle "prime campane". Il suo volume, la durata è determinata dal medico, tenendo conto della gravità della malattia, delle patologie concomitanti, del benessere del paziente.

Dieta per fibromialgia

Il trattamento domiciliare si svolge su uno sfondo speciale che prevede una dieta che esclude:

  • Piante della famiglia delle solanacee che esacerbano i sintomi della fibromialgia. Stiamo parlando di melanzane, peperoni, pomodori e patate.
  • Carboidrati semplici (zucchero).
  • Il latte e i suoi derivati, indipendentemente dal livello di grasso, peggiorano la dinamica della condizione patologica.
  • Caffeina.
  • Glutammato monosodico, aspartame.

L'elenco è individuale. È determinato eliminando un prodotto e osservando i cambiamenti nelle condizioni. Scrivendo questi dati in un diario, puoi scoprire quali di essi funzionano contro un determinato paziente.

Complicanze e prognosi

La fibromialgia, come diagnosi permanente, con terapia qualificata, ha una prognosi favorevole. Nell'infanzia, la malattia si allontana più rapidamente. Senza trattamento, limita l'attività del paziente, riduce la qualità della vita, sebbene non si sviluppi e non influenzi il lavoro degli organi interni.

Nelle forme gravi di fibromialgia, non si possono evitare significative perdite emotive. Ogni terza persona con tale diagnosi viene disabilitata. Altri disturbi più gravi attendono coloro che abusano di sonniferi, composti narcotici e alcool per ridurre il dolore. Qualcuno è aiutato dal forum del Dr. Myasnikov, dove puoi condividere il tuo dolore, leggere recensioni su vari farmaci e trovare supporto.

Conclusione del dottore

Gli individui di mentalità positiva con una visione benevola del mondo che li circonda (che si prendono cura dei propri cari piuttosto che concentrarsi sui propri sentimenti) hanno maggiori probabilità di non sperimentare mai la fibromialgia. La migliore prevenzione è la cosa preferita, per il gusto di svegliarti la mattina, nonostante il dolore.